Tra mito e storia – Pagine di autori contemporanei.

Nella Sala degli Specchi del Comune di Frascati, Franco Campegiani, tra novembre e dicembre 2011 ha tenuto una breve rassegna letteraria, articolata in quattro tempi, dove, con l’ausilio di studiosi e letterati, sotto la luce di un rinnovato interesse per il Mito, ne ha analizzato il rapporto con la storia al di fuori di ogni connotazione favolistica  prefiggendosi, quindi, il compito di analizzare sotto una luce nuova il rapporto tra letteratura e vita, tra arte e realtà.

Il prestigioso coinvolgimento istituzionale messo in moto per sostenere questa iniziativa, che tutto sommato è un’operazione culturale di “nicchia” è non soltanto ammirevole, ma anche lungimirante, perché tutto sommato nasce dalla consapevolezza che la cultura globale dei tempi attuali è in una situazione di stallo ed occorre proprio ripartire dal piccolo, esattamente dalla “nicchia”, per poter ricominciare a vivere e a sperare.

Gli studiosi e gli scrittori coinvolti in questo ciclo di incontri appartengono all’area romana e sono soltanto emblematici di un rapporto – quello tra mito e storia – che deve essere reinventato ed impostato su basi diverse per poter assicurare un futuro alla cultura e rinnovare dalla fondamenta l’umanità.

(L’interpretazione dei testi è stata affidata agli attori Massimo Chiacchiararelli e Paolo Di Santo).

17 novembre“La Mala Pietra” (Ibiskos Editrice) – Romanzo storico di Giovanni Mati. Un bagno nel sacro e nelle luci del mistero in una storia avvincente tra fine del Medioevo e gli albori della Modernità. Qui la presentazione di Franco Campegiani.

24 novembre: “Tra incanto e disincanto”. Stupore vitalistico e odierno male di vivere in un confronto tra il poeta Domenico Gilio e le gialliste Loredana D’Alfonso (Il Filo) e Maria Rizzi (Corpo 12). Telemaco Editore. Intervento del regista e artista visivo Pio CiuffarellaQui la presentazione.

15 dicembre; “Mito e realtà degli Ominidi”. Incontro con Aldo Onorati, poeta, narratore, giornalista, saggista, critico letterario, autore di una mitica saga dei Castelli Romani. Qui la presentazione.

19 dicembre: “Ricordanze ungarettiane”. Passaggio e presenza di Giuseppe Ungaretti nei Castelli Romani. Relatori: Sandro Angelucci, poeta e critico letterario; Andrea Mariotti, poeta e critico letterario. Qui la presentazione di Franco Campegiani e l’analisi di Andrea Mariotti. Qui il saggio di Sandro Angelucci.