Tempo del niente

Mi spengo,
mentre il giorno
scorre incredulo
tra inutili perché
nascosti all’ombra
di parole stridule
a corde tese a dolci suoni.
Senza risposta
muoio,
nel ricordo
del tempo del niente
che è bastato a darci vita.
Potessi chiederti
di corrermi incontro
anticipando sul tempo
il pianto muto
del non ritorno all’attimo felice,
ti aspetterei riversa
a braccia spalancate
sul dorso curvo della volta stellata
che fu nostra, in altro sogno.