Ea me tèra/La mia terra

07_Ea me tèra_ver  07_Ea me tèra_ver

Ea me tèra

Ea me tèra xé na siaba dolçe
robada aea engua segrèta
de l’aqua, ibertà de na aea fina
de verde soravissua a’el mòto
ziogoso e crudee dee maree,
tremor de bianchi cucài reai,
cascài da’el siroco, co’i bechi
inbevui de broxe e de onbre.
Ea me tèra se çerca e me çerca
nea onda de un desiderio de oblio,
nea iùxe calda de aurora pusàda
tra nù, slongàda sui xai dùbiosi
dee barene e dove che’ncora no a xé,
nea premùra dea beeça che xé
in reaxion, salva e va oltre
ogni sgrafo de forme e coeori
co’ na usma soea de ardor
inbevuo de caighi e de pessi.
Ea me tèra xè un liquido nio
tra mar e laguna puxà davanti
a Venessia, mainconia de dixèrtada
materia el so inpido çeo che,
par un complicà ato de amor,
ne’el recordarse de sé e de nù,
se gà roversà ne’el blù.
A’el so sorixo se branca più strete
e nostre man ancorae a ogni
momento feice, roxo cardiaco
fògo, e nostre antiche raixe
de serènissima iùxe.

La mia terra

La mia terra è una sillaba dolce
strappata alla lingua segreta
dell’acqua, libertà di un’ala sottile
di verde sopravvissuta al moto
giocoso e crudele delle maree,
tremore di bianchi gabbiani reali,
caduti dallo scirocco, con i becchi
intrisi d’ombre e di brume.
La mia terra si cerca e mi cerca
nell’onda di un desiderio d’oblio,
nella luce calda d’aurora posata
tra noi, distesa sui gialli dubbiosi
delle barene e dove ancora non è,
nell’urgenza della bellezza che
vi afferisce, redime e trascende
ogni lacerazione di forme e colori
con un sospetto appena d’ardore
imbevuto di nebbie e di pesci.
La mia terra è un liquido nido
tra mare e laguna deposto davanti
a Venezia, malinconia di disertata
materia il suo limpido cielo che,
per un complicato atto d’amore,
nel rammentarsi di sé e di noi,
si è capovolto nel blu.
Al suo sorriso si afferrano strette
le nostre mani ancorate ad ogni
momento felice, rosso cardiaco
fuoco, la nostra antica radice
di serenissima luce.